22 Febbraio 2020

Stratificazione prognostica nella cardiopatia ischemica cronica

La cardiopatia ischemica cronica (CAD) continua a rappresentare un problema rilevante nella realtà sanitaria italiana e internazionale. In questa tipologia di pazienti la stratificazione prognostica riveste un ruolo di particolare importanza nell’ottica di una gestione ottimale della patologia.

Nei pazienti con angina senza sindrome coronarica acuta (SCA) recente, le analisi di laboratorio, la valutazione clinica, la quantificazione della funzione ventricolare, la risposta ai test provocativi e il grado di severità della coronaropatia rappresentano elementi cardine per determinare il rischio cardiovascolare (CV).


Continua a leggere su ClinicalNetwork

  • Condividi:

Articoli correlati

26 Maggio 2017

Vitamina D e conta dei nei

L’analisi dei dati del database TwinsUK ha evidenziato un’associazione positiva tra conta dei nei e livelli sierici di vitamina D