21 Aprile 2017

Imparare a leggere le etichette

Un articolo pubblicato sull’American Academy of Dermatology allerta i pazienti a fare attenzione a quello che leggono sulle etichette dei prodotti per la cura della pelle.
In mancanza di un regolamento da parte del FDA Americana, non è detto che un prodotto etichettato come “ipoallergenico” o “per la pelle sensibile” sia effettivamente delicato sulla pelle o non provochi allergie. Anche i prodotti “completamente naturali” possono presentare dei rischi: naturale non è sinonimo di innocuo e non è garantita l’assenza di additivi o conservanti dannosi per la pelle. In ultimo, il termine “senza-profumo” non è strettamente regolato, e in America può essere utilizzato su prodotti che contengono composti chimici classificabili come profumi, ma che vengono utilizzati per uno scopo diverso.
Sarebbe bene seguire pochi utili accorgimenti per evitare reazioni indesiderate. La Dr.ssa Rajani Katta dell’AAD consiglia di testare ogni nuovo prodotto sull’avambraccio prima di applicarlo sul viso, evitare di applicare prodotti nuovi sulla pelle già infiammata, e rivolgersi al proprio dermatologo se non si è sicuri degli ingredienti di una crema.
Attenzione infine alle reazioni allergiche ritardate, che possono comparire dopo mesi di utilizzo di un prodotto inizialmente innocuo, rendendo difficile l’identificazione del colpevole.


Fonte: American Academy of Dermatology. “Learn the language of skin care labels

  • Condividi:

Articoli correlati

26 Maggio 2017

Vitamina D e conta dei nei

L’analisi dei dati del database TwinsUK ha evidenziato un’associazione positiva tra conta dei nei e livelli sierici di vitamina D