18 Aprile 2017

Il gene dei capelli rossi può spiegare l’associazione tra melanoma e Parkinson

Un gruppo di ricercatori del Massachusetts General Hospital ha scoperto che il gene MCR1 – responsabile in una delle sue varianti del fenotipo con pelle chiara e capelli rossi – ha un ruolo protettivo nel sistema dopaminergico della sostanza negra, e potrebbe essere un interessante target terapeutico per il trattamento del morbo di Parkinson.
I ricercatori hanno osservato che topi con inattivazione del gene MCR1 hanno una diminuita produzione del neurotrasmettitore dopamina a livello della sostanza nera, una struttura del cervello solitamente colpita nel morbo di Parkinson. Inoltre, i topi che mimano il rutilismo sono più sensibili a sostanze tossiche note per danneggiare i neuroni e sembrano avere maggiori livelli di stress ossidativo.
Il gene MCR1 avrebbe quindi un duplice ruolo, essendo coinvolto sia nella tumorigenesi dei melanociti che nella degenerazione dei neuroni dopaminergici: secondo gli autori in entrambe le condizioni il gene influenzerebbe sia la pigmentazione che la risposta allo stress ossidativo. Questa scoperta potrebbe aiutare a chiarire il collegamento tra melanoma e morbo di Parkinson, e indirizzare le persone con i capelli rossi verso un opportuno consulto sia dermatologico che neurologico.


Fonte: Chen X, Chen H, Cai W, et al. The melanoma-linked “redhead” MC1R influences dopaminergic neuron survival. Annals of Neurology, 2017; DOI: 10.1002/ana.24852

  • Condividi:

Articoli correlati

11 Luglio 2019

Un’App per identificare le lesioni cutanee maligne

Skinvision è una nuova applicazione per smartphone che aiuta i medici nella valutazione del rischio delle lesione della pelle, identificando in maniera molto sensibile i segni di malignità

2 Giugno 2020

Vitamina D per le scottature solari

La vitamina D ha un effetto immunoterapeutico che aiuta a mantenere l’omeostasi della pelle modulando la risposta infiammatoria alle scottature