25 Novembre 2021

Le infezioni nel paziente diabetico

Accedi al corso

Professioni accreditate: Medico chirurgo (tutte le specializzazioni) e Farmacista territoriale.

Alla lista dei rischi di morte nei pazienti diabetici si aggiungono le malattie infettive. I pazienti diabetici presentano, infatti, un aumentato rischio di mortalità per infezioni, le quali si presentano decisamente più severe e spesso tendono a complicarsi rispetto a quelle della popolazione generale. Le basi fisiopatologiche di questa associazione sono molteplici, tra le principali si annoverano le alterazioni della immunità dovute al diabete e le alterazioni microvascolari. Inoltre, l’emergere di batteri comuni multiresistenti rende lo scenario più inquietante. Tra le condizioni più severe e frequenti che si associano al diabete la più temibile è quella rappresentata dalla sindrome del piede diabetico, che può iniziare come un’infezione di cute e tessuti molli ed evolvere verso l’osteomielite fino a necessitare di amputazione nei casi più gravi. Si verifica nel 15-25% di tutti i pazienti con diabete e circa 1/4 delle persone con piede diabetico sviluppa una complicanza che va dalla semplice infezione cutanea, all’osteomielite fino all’amputazione. La neuropatia e l’angiopatia determinano anche un maggiore rischio di infezioni cutanee sia batteriche che fungine, anche a carico delle mucose, in cui la Candida albicans sembra essere il patogeno con maggior prevalenza. In tali pazienti sono comuni anche le infezioni a carico dei tegumenti, causate da dermatofiti come la dermatofitosi cutanea e l’onicomicosi, nonché la Tinea pedis. Nel caso delle vie urinarie, i pazienti diabetici risultano avere un rischio più elevato per infezioni più gravi e complicate, come pielonefrite, ascessi renali, necrosi papillare e sepsi.
Scopo di tale FAD è quello di fare una disamina approfondita del legame tra infezioni e patologia diabetica.

17 commenti su "Le infezioni nel paziente diabetico"

  • IRENE D'ASCIA ha detto:

    UN RIPASSO CI VUOLE.

  • marco fusco ha detto:

    un utile ripasso

  • ANDREA ZIVIANI ha detto:

    Corso molto interessante, assai bene organizzato, chiarissimo e davvero utile. Complimenti alla Docente!

  • Alessandra Marsiglietti ha detto:

    il corso è molto interessante ,sensibilizzare la vaccinazione per i pazienti diabetici e altre patologie un saluto a tutti voi

  • Alessandra Marsiglietti ha detto:

    il corso è molto interessante a mio avviso dovrebbe riguardare anche la categoria infermieristica visto ,quando si parla di assistenza domiciliare ,gli infermieri del distretto sono i più a contatto con la maggior parte di pazienti diabetici

  • Alessandra Marsiglietti ha detto:

    i pazienti ,diabetici devono assolutamente vaccinarsi per non aggravare la loro fragilità

  • maria luisa pelle ha detto:

    ottimo e interessante corso

  • Marisa Fanaro ha detto:

    Interessante anche per la professione infermieristica

  • Sergio Sarli ha detto:

    corso ben fatto. Andrebbe dato un può di spazio anche alle strategie di prevenzione delle infezioni oltre al discorso sui vaccini

  • IGNAZIO CATANIA ha detto:

    ottimo

  • emanuela cama ha detto:

    Buongiorno.
    Corso interessante e ben fatto.
    Mi permetto di suggerire l’inserimento di foto che accompagnino le patologie, soprattutto cutanee.
    vi ringrazio

  • Franco Vecchio ha detto:

    Il paziente diabetico soprattuttto se non compensato o in labile compenso metabolico necessita di vaccinazione sia per evitare la malattia che eventuali complicanze

  • Anna Melegari ha detto:

    Lavoro in diabetologia e mi sembra un corso interessante….peccato non sia accreditato anche per la professione infermieristica!

  • anna rosa ha detto:

    Sono d’accordo , non è facile per un diabetico controllare il proprio equilibro fisico.

  • roberto cristino ha detto:

    ritengo valida la vaccinazione in tutti i pazienti diabetici

  • giovanni Nocentini ha detto:

    Penso che in questo periodo di pandemia il paziente diabetico è fra i più fragili soggetto a complicanze in caso di malattia. quindi deve essere incoraggiato a vaccinarsi.

Lascia un commento