La Covid-19 vista dalla Medicina Generale

Il corso si è concluso il giorno 31 Dicembre 2020

L’emergenza posta dall’epidemia del nuovo coronavirus Sars-Cov2 rilancia con forza il ruolo cruciale del medico di medicina generale, garante della salute dei cittadini. I medici di famiglia devono tuttavia essere messi nella condizione di poter affrontare in maniera consapevole e informata, appropriata e responsabile, la situazione corrente.
Strumenti pratici, rilievi scientifici e informazioni aggiornate sono elementi fondamentali per potenziare la presa in carico globale dei singoli pazienti in particolare anziani e con patologie croniche, verificando l’appropriatezza terapeutica, l’aderenza, il rafforzamento, la stabilizzazione e l’ottimizzazione delle terapie veri strumenti di difesa contro la Covid-19.
Questa epidemia ha mostrato l’insostituibile funzione della medicina del territorio come legame strategico tra cittadini, assistenza ospedaliera e istituzioni.
Tuttavia, come drammaticamente dimostrato dalle cronache quotidiane, tra le figure professionali sanitarie che maggiormente hanno dovuto operare in condizioni di grave rischio per la propria incolumità data la mancanza di dispositivi di protezione individuale si trovano ai primi posti proprio i medici di medicina generale.
Nell’affrontare la Covid19 quale deve essere allora il ruolo del MMG? Quali strumenti sono più utili per la medicina del territorio? Quali informazioni servono di più? Che cosa chiedono alle istituzioni i medici di famiglia?

704 commenti su "La Covid-19 vista dalla Medicina Generale"

Lascia un commento