Farmaci Long Acting e strategie per migliorare la prognosi, il decorso e la qualità della vita nei pazienti all’inizio della schizofrenia

Non puoi accedere a questo corso

Il corso inizierà in data 2022-12-14

Iscriviti al webinar di mercoledì 14 Dicembre


La schizofrenia rappresenta la più grave patologia psichiatrica a causa della severità della sintomatologia, della elevata frequenza di recidive, nonché per la frequente cronicizzazione e progressione della stessa condizione verso un quadro di deterioramento clinico e di isolamento psicosociale. La compromissione sintomatologica e funzionale sembrerebbe particolarmente influenzata dall’evoluzione del disturbo, con la conseguente necessità di un intervento terapeutico tempestivo ed efficace sin dalle fasi iniziali della malattia.
La non aderenza al trattamento è la principale causa di ricadute psicotiche e di conseguenti ri-ospedalizzazioni, le cui implicazioni non sono solo di natura clinica. Le formulazioni LAI dei nuovi antipsicotici rappresentano un’ulteriore espansione dell’armamentario terapeutico per la schizofrenia, con rilevanti possibili implicazioni riguardanti il trattamento continuativo soprattutto nelle fasi iniziali della malattia che sono ritenute a maggiore rischio di mancata aderenza.  Considerata la provata efficacia di tutti gli antipsicotici LAI attualmente disponibili e la possibilità di utilizzo nelle fasi iniziali del disturbo in pazienti prevalentemente giovani adulti ne deriva che la tollerabilità è un elemento cruciale per la scelta del farmaco specifico.
La necessità di prevenire disturbi metabolici, ormonali (come la iperprolattinemia) e motori clinicamente significativi, dovrebbe essere considerata in relazione alle caratteristiche del singolo paziente, all’evoluzione del quadro clinico e alle patologie eventualmente presenti in comorbidità. A riguardo, studi osservazionali di “effectiveness” di “real-life” potrebbero fornire informazioni più attendibili.

Programma scientifico

Presentazione e introduzione
Dr. Augusto Martellini

Modulo 2
Concetto di schizofrenia tra acuzie e re-integrazione sociale
Prof. Andrea Fiorillo

Modulo 3
Nuove strategie d’inizio della terapia con i LAI con focus sulla persistenza
Prof. Andrea Fagiolini

Discussione sui temi trattati

5 commenti su "Farmaci Long Acting e strategie per migliorare la prognosi, il decorso e la qualità della vita nei pazienti all’inizio della schizofrenia"

Lascia un commento